Più fresco sotto pressione: Una rapida panoramica della lavorazione ad alta pressione   

0

The food industry is innovating at top speed to meet the changing demand and tastes of consumers. New products, processes and technologies are being introduced on a daily basis. One of these inventions is ‘High Pressure Processing (HPP)’, which helps products last longer and improves sicurezza alimentare. If you’ve been to the supermarket of late, you might have noticed various ‘cold-pressed’ juices, smoothies and soups, which have been taking up considerable shelf space of late. The technology used in these beverages is HPP, which is increasingly being used across a variety of products.

Cos'è il trattamento ad alta pressione (HPP)?

HPP è una tecnologia di pastorizzazione che permette di prolungare la durata di conservazione dei prodotti applicando una pressione per inattivare i microrganismi (lieviti, muffe e batteri) rispetto al trattamento termico o termico convenzionale. In questo modo si ottengono cibi e bevande più vicini alla loro controparte "fresca" o "non lavorata". Le pressioni operative tipiche sono comprese tra 400MPa e 600MPa (58.000 - 87.000psi) per un tempo di mantenimento di 2-10 minuti a seconda dell'applicazione del prodotto.

Come funziona?

L'HPP colpisce la permeabilità della membrana plasmatica del microrganismo e la rottura è come lo scoppio di un palloncino. Quando il danno è irreparabile, porta alla perdita di funzionalità e infine alla morte cellulare. I microrganismi hanno diversi gradi di resistenza contro l'HPP a causa delle differenze nella composizione chimica e nella struttura della loro membrana cellulare. I batteri gram positivi sono più resistenti alla pressione dei batteri gram negativi in base alla fluidità della loro membrana. Anche la matrice alimentare, il pH e la temperatura hanno un impatto sull'inattivazione microbica insieme ai parametri di lavorazione come la pressione applicata e il tempo di mantenimento.

Quali sono i requisiti del prodotto per usare HPP per l'estensione della durata di conservazione?

  • pH: La ricerca e le applicazioni commerciali hanno convalidato l'uso di HPP per l'estensione della durata di conservazione dei prodotti sotto pH 5.0.
  • Temperatura di conservazione e distribuzione: HPP è attualmente convalidato solo per i prodotti refrigerati con una ricerca in corso per l'applicazione stabile a scaffale.
  • Attività dell'acqua: L'Aw del prodotto deve essere superiore a 0,90 poiché l'acqua è necessaria per dissipare la pressione e permettere l'inattivazione microbica.

Quali prodotti utilizzano commercialmente l'HPP oggi?

Attualmente questa tecnologia è usata soprattutto per succhi di frutta e verdura, zuppe e puree, carni RTE (salumi), frutti di mare (l'HPP può permettere di sgusciare facilmente ostriche e altri crostacei) e salse (salsa, hummus, guacamole). In misura minore, l'HPP viene utilizzato per prolungare la durata di conservazione di condimenti per insalate, contorni freschi, piatti pronti, frutta tagliata, alimenti per animali domestici e carni crude.

Quali sono i suoi vantaggi?

  • Sicurezza alimentare:  L'HPP inattiva i patogeni vegetativi (es. Listeria monocytogenes,  Salmonella, Escherichia coli ) e microrganismi di deterioramento (ad es. Lactobacillus , Bacillus). Può fornire la riduzione degli agenti patogeni di 5-log richiesta per i prodotti refrigerati, ma non inattiva le spore (per esempio le spore di Clostridium botulinum). 
  • Migliori attributi sensoriali: I colori, le consistenze e gli aromi del cibo e delle bevande sono meglio conservati attraverso la pressione rispetto alla lavorazione basata sul calore.
  • Migliore composizione nutrizionale: Diverse sostanze nutritive sono sensibili al calore e subiscono una degradazione con le tecniche convenzionali di trattamento termico. L'HPP permette la conservazione di questi nutrienti sensibili al calore, migliorando la funzionalità dei prodotti.
  • Etichetta pulita: La capacità di questa tecnologia di conservare i prodotti e aumentare la durata di conservazione nega la necessità di conservanti (naturali o chimici).
  • Uso versatile dell'attrezzatura: L'attrezzatura di lavorazione richiesta è indipendente dal volume del campione e dal tipo di prodotto, poiché l'acqua presente in questi prodotti permette di esercitare la pressione in modo uniforme indipendentemente dalla geometria del prodotto, quindi la stessa macchina HPP può essere utilizzata per diversi tipi di prodotti.

Quali sono i suoi limiti?

  • Costo ed efficienza: L'HPP è limitato alla lavorazione a lotti o a un'operazione semi-continua che richiede un aiuto manuale per caricare e scaricare i prodotti, aumentando così i costi e riducendo l'efficienza.
  • Tipo di imballaggio: L'imballaggio HPP è limitato agli imballaggi flessibili e semi-rigidi, poiché la comprimibilità è necessaria per la pressione da applicare al prodotto e perché l'imballaggio mantenga la sua forma dopo la lavorazione.
  • Tipi di prodotti: HPP non può essere applicato a prodotti secchi, prodotti altamente aerati, prodotti a pH elevato e prodotti stabili a scaffale.

L'HPP è attualmente ampiamente applicato nell'industria alimentare per i vari benefici che offre. Uno dei problemi comuni che i marchi affrontano quando portano i loro prodotti HPP sul mercato è la corretta etichettatura. C'è stato molto dibattito sull'etichettatura corretta dei prodotti HPP in passato, specialmente per quanto riguarda l'uso delle parole 'raw' e 'fresconei succhi e nei frullati spremuti a freddo. Suja LLC è stata coinvolta in una causa qualche anno fa per aver usato la parola 'raw' nei loro succhi. Le startup del settore alimentare stanno sempre più consultando scienziati dell'alimentazione per l'aiuto nell'etichettatura e nel portare i loro prodotti sugli scaffali. 

Alcuni marchi che attualmente usano HPP per fare succhi/smoothies sono Plenish Cleanse (Regno Unito), Naked Juice (di proprietà di PepsiCo) e Evolution Fresh (Starbucks). Nel 2017, un TechNavio Il rapporto ha previsto che "il mercato globale dei succhi pressati a freddo crescerà costantemente durante i prossimi quattro anni e registrerà un CAGR di oltre 8% entro il 2021". A giudicare dal ritmo con cui l'HPP viene adottato nell'industria, sembra che questa tecnologia sia destinata a rimanere.

—————

Hai bisogno dell'aiuto di un consulente alimentare per lanciare il tuo prodotto? Mettiti in contatto con un scienziato alimentare freelance su Kolabtree.


Kolabtree aiuta le aziende di tutto il mondo ad assumere esperti su richiesta. I nostri freelance hanno aiutato le aziende a pubblicare documenti di ricerca, sviluppare prodotti, analizzare dati e altro ancora. Ci vuole solo un minuto per dirci cosa hai bisogno di fare e ottenere preventivi da esperti gratuitamente.


Condividi.

L'autore

Spurti Ravi è uno scienziato alimentare con un B.E. in biotecnologia dall'India e un M.S. in scienze alimentari dalla Rutgers University, NJ, USA. Ha 7 anni di esperienza nella concettualizzazione, sviluppo e commercializzazione di prodotti alimentari e bevande naturali. In precedenza ha lavorato nella divisione C-Fresh alla Campbell Soup Company, Camden, NJ su categorie che vanno dalle zuppe, alle salse, alle salse e a concetti innovativi di cui non può parlare. Spurti attualmente gestisce la sua società di consulenza R&S - Ssprout, con sede a Bangalore, India, con progetti che vanno da applicazioni non casearie, alimenti puliti per animali domestici a bevande all'avanguardia che incorporano l'Ayurveda. Potete contattarla via LinkedIn o direttamente all'indirizzo spurti@ssprout.in per ulteriori informazioni.

Lascia una risposta