#Researchwithoutborders: Curating interdisciplinare, collaborazioni transfrontaliere da tutto il mondo

0

Abbiamo assistito di recente a una collaborazione un po' sorprendente tra un ricercatore di scienze sociali negli Stati Uniti e un astrofisico con sede a Londra. Sembra improbabile, vero? E su cosa hanno lavorato insieme? Analisi dei dati! Il ricercatore (della Stony Brook University di New York) stava studiando l'effetto della frequenza delle visite in palestra sul rendimento scolastico. Il suo team non è stato in grado di ottenere alcun modello significativo dal set di dati di quasi 800.000 record. Ha pubblicato il suo progetto su Kolabtreee un astrofisico dell'Imperial College di Londra (che è abituato a gestire grandi serie di dati, come si potrebbe immaginare) lo hanno aiutato a portare a termine il progetto.

Questo è solo uno dei tanti esempi delle molte collaborazioni transfrontaliere che stanno avvenendo in tutto il mondo. Poiché la scienza diventa sempre più interdisciplinare, ci sono molteplici sovrapposizioni nelle competenze e conoscenze richieste per i diversi campi di studio. Secondo un Rapporto scientifico dell'UNESCO, "un articolo scientifico su quattro prodotto in tutto il mondo è stato co-firmato da un collaboratore straniero nel 2014, rispetto a uno su cinque un decennio prima". I paesi di tutto il mondo si stanno unendo per contribuire ad alimentare la ricerca e l'innovazione, in un clima politico che sta diventando allarmantemente anti-scienza. Nell'ambito di Horizon 2020, il programma di ricerca e innovazione dell'UE, il mondo accademico dell'UE e degli Stati Uniti potranno lavorare insieme a stretto contatto. Science Europe e Elsevier hanno condotto un studio che ha esaminato le collaborazioni transfrontaliere e ha scoperto che "i ricercatori negli Stati Uniti sono più propensi a collaborare con ricercatori al di fuori degli Stati Uniti di quanto i ricercatori in Europa siano propensi a collaborare con ricercatori al di fuori dell'Europa". Questo significa anche che c'è un enorme potenziale per i ricercatori europei di espandere la loro rete al di fuori della regione.

Abbiamo visto partnership transfrontaliere in tutti i campi della scienza e della tecnologia - prendete NASA-ISRO (NISAR), Novartis-Google (lenti a contatto intelligenti), GE-Microsoft (PaaS). Cinque giganti della tecnologia - Google, Amazon, IBM, Facebook e Microsoft - hanno recentemente formato the Partnership on Intelligenza artificiale to Benefit People and Society. In assistenza sanitaria, collaborative platforms help deliver quality medical services around the world – John Hopkins works with institutions in Canada, Turkey, UAE, Singapore and Brazil, just to name a few. Networks like Catapulta Regno Unito collegare imprese, ingegneri e scienziati che possono lavorare insieme per trasformare le idee in prodotti e servizi innovativi, guidando la crescita economica.

Non è un segreto che la collaborazione è sicuramente la via da seguire per una migliore ricerca, una migliore innovazione. Noi crediamo che la scienza e la ricerca non possano mai essere limitate da linee su una mappa. Come piattaforma che incoraggia la collaborazione transfrontaliera, abbiamo iniziato il 1TP3Ricerca senza frontiere che mira a mostrare progetti di collaborazione in scienza, tecnologia, ingegneria e medicina da tutto il mondo. Se sei un'organizzazione, un ricercatore, un'università o un individuo che collabora oltre i confini su un progetto di ricerca emozionante, ci piacerebbe sentire da te!

PARLACI DELLA TUA COLLABORAZIONE!


Kolabtree aiuta le aziende di tutto il mondo ad assumere esperti su richiesta. I nostri freelance hanno aiutato le aziende a pubblicare documenti di ricerca, sviluppare prodotti, analizzare dati e altro ancora. Ci vuole solo un minuto per dirci cosa hai bisogno di fare e ottenere preventivi da esperti gratuitamente.


Condividi.

L'autore

Ramya Sriram gestisce i contenuti digitali e le comunicazioni di Kolabtree (kolabtree.com), la più grande piattaforma di freelance per scienziati al mondo. Ha oltre un decennio di esperienza nell'editoria, nella pubblicità e nella creazione di contenuti digitali.

Lascia una risposta