Parlano gli innovatori: Kolabtree intervista il CEO di Centivax Jacob Glanville

0

Questo articolo è il primo di una serie di Innovators Speak, dove Kolabtree chiacchiera con i principali innovatori scientifici e commerciali del mondo, come Jacob Glanville, e li interroga sugli ultimi progressi della scienza e della tecnologia, su come gli accademici stanno passando al lavoro a distanza in un mondo in rapida crescita. economia esperta, come la pandemia sta plasmando il nostro futuro e molto altro.

In questa intervista, Jacob Glanville si siede con Kolabtree CEO Ashmita Das to discuss Centivax going into studi clinici on June 1 with their SARS COV 2 vaccino anticorpale, e come il mantenimento di un modello snello ha aiutato a mantenere bassi i costi. 

 

Jacob Glanville è un immuno-ingegnere e imprenditore, che sviluppa il modello di business e la tecnologia di base per Distributed Bio e il suo spin-off Centivax. Entrambe le aziende seguono un modello di business snello per ridurre al minimo la ridondanza e massimizzare l'efficienza, ottenendo profitti sostenuti senza investimenti esterni.

Qui, Jacob Glanville (JG) si siede con Ashmita Das (AD), CEO di Kolabtree, per discutere l'esperienza di Centivax nell'entrare nei test clinici con il suo vaccino anticorpale SARS COV 2, e come mantenere un modello snello ha aiutato a mantenere bassi i costi. 

AD: Jacob, hai una storia di carriera incredibile fino ad oggi - hai ricevuto sovvenzioni e premi dalla Gates Foundation, sei un ricercatore principale del National Institute of Health e sei stato presentato in un documentario di Netflix.

Sei stato un docente ospite a Stanford e USF e sei anche uno scienziato principale di Pfizer. Nel 2012, hai co-fondato Distributed Bio e ora stai gestendo il suo spin off Centivax, facendo di te un imprenditore seriale e inventore, immuno-ingegnere computazionale, tra le altre cose.

Come ti descriveresti nel tuo lavoro?

JG: I’m an immune hacker, so I use matematica, computers and good old-fashioned roll up your sleeves wet lab work to interrogate the immune system and figure out how to get the best responses out of it. This information can help us treat various diseases and harness therapeutic molecules directly out of the immune system, like monoclonal antibodies that can serve as drugs. 

Tl sistema immunitario influisce praticamente su ogni malattia. da le cose ovvie come le infezioni ad altre condizioni come il cancro, degenerazione nervosa e malattie cardiache. Sei spesso duroha premuto per trovare da qualche parte in medicina dove il sistema immunitario non è coinvolto, perché il tuo sistema immunitario è progettato per rilevare i cambiamenti nei tessuti, ed è questo che è la malattia.

And then on the flipside, it’s also a great source of medicines like antibodies and allows us to develop our understanding of how to produce better broad-spectrum vaccines. All these cool applications have become much easier to attack with vigour with the emerging golden age of biotecnologia. We have high-throughput genomic sequencing instruments, high-throughput DNA synthesis instruments, and a plethora of single-cell sequencing technologies and microfluidics. Therefore, part of my job is understanding that system and coming up with engineering tactics for creating medicines that can treat problems that have plagued us since the beginning of time.

AD: Può parlare un po' della sua ultima impresa, Centivax? Qual è la visione per questa nuova azienda?

JG: Questo è stato il mio piano a lungo termine e il mio sogno e finalmente sono stato in grado di manifestarlo. Centivax è stata fondata sull'idea di poter sfruttare le tecnologie che ho passato il tempo a ottimizzare e ingegnerizzare prima come consulente e poi nella mia prima impresa Distributed Bio. Ora sono finalmente pronto, con un decennio di ricerca, a utilizzare queste tecnologie per costruire anticorpi o addirittura provocarli da un organismo vivente che si legano ai talloni d'Achille di virus e agenti patogeni. Quando si ottiene l'anticorpo giusto contro quel sito speciale, tendono ad essere molto più efficaci. Nel caso del coronavirus, ci stiamo preparando a iniziare i nostri studi clinici su un anticorpo. 

Con la nostra tecnologia di vaccino ad ampio spettro, insegniamo al sistema immunitario a produrre anticorpi specifici. Per un morso di serpente, potremmo sviluppare un vaccino da una persona il cui organismo ha generato anticorpi in grado di legarsi ai siti di tutto il mondo. veleno from all snakes — this is the kind of application I’d like to tackle. There are also important applications in autoimmunity and oncologia, where you are targeting mutating and diverse populations, and we could hack those systems well. That’s the strength of our technology, our goal is creating substantial advances using new technologies to attack these systems.

AD: Quindi quando dici che stai facendo immuno-hacking, quello che stai cercando di fare è prendere le risposte naturali che il nostro corpo produce e usarle come terapia.

JG: Ci estendiamo oltre ciò che il corpo umano può produrre. Il problema del corpo umano è che quando gli agenti patogeni, i cancri e l'autoimmunità colpiscono, hanno violato il nostro sistema immunitario. C'è questa infinita corsa agli armamenti per cercare di avere una diversità dell'agente patogeno o del cancro contro la diversità del nostro sistema immunitario. E questi due eserciti si sono incontrati in guerra dall'inizio dei tempi, ed entrambi hanno imparato le debolezze dell'altro. Ed è qui che nasce lo stallo e ci si ammala. 

Noi ingegnerizziamo al di là di ciò che la natura può fornire. Impariamo a usare questi sistemi in modo da poter andare oltre a ciò che la natura naturalmente si blocca. Questa è la natura - normalmente non produce una risposta ampia e neutralizzante contro tutta l'influenza e, per esempio, attualmente non abbiamo un vaccino HIV funzionante.

È qui che entra in gioco la nostra tecnologia. Ci chiediamo, dov'è il difetto, e poi ingegnerizziamo per cercare di spingere oltre ciò che la natura ha fornito in modo da poter effettivamente vincere alcune di queste guerre eterne contro gli agenti patogeni. L'età dell'oro della biotecnologia può aiutarci a spingere oltre lo stallo e raggiungere la vittoria. E dirò che sembra ambizioso, ma vi ricorderò che siamo stati in grado di sradicare il vaiolo, e abbiamo quasi sradicato diversi altri agenti patogeni. C'è stato un notevole successo nella scienza dei vaccini e molteplici premi Nobel assegnati intorno agli anticorpi monoclonali.

Ma queste tecnologie stanno ancora operando sulla base delle capacità biotecnologiche del secolo scorso, quindi stiamo introducendo nuove tecnologie per essere in grado di fare migliori medicine ingegnerizzate per rompere i continui limiti della natura. 

AD: Con Centivax state attualmente creando un trattamento terapeutico anticorpale per il coronavirus, e ho capito che sta entrando nei test clinici. Quali sono i progressi su questo e quale ruolo vede giocare?

JG: Ho avviato questo programma all'inizio dell'epidemia e, poiché la mia squadra è specializzata in medicina pandemica, abbiamo capito subito che ci sarebbero stati due grandi problemi da affrontare. 

We knew the virus was going to start mutating and so there were efforts to produce antibody therapies quickly. When they came out, many were already being revoked by the FDA because the new mutant versions of the virus, which are more infectious and may be more deadly, were causing those early antibodies to no longer bind effectively to the virus. We spent the time engineering an antibody that binds to an Achilles heel, a very sensitive part of the virus on all the new emerging strains. 

In secondo luogo, potevo anticipare che sarebbe stato un grosso problema cercare di fornire una normale terapia anticorpale nel bel mezzo di una pandemia, e la ragione è che con le normali terapie anticorpali devi dare una grande dose in una sacca per infusione, e questo significa avere uno specialista che ti tratta in un centro di infusione.

Il problema in una pandemia è che in qualsiasi luogo dove si potrebbe ricevere una flebo, quelle aree sono già piene di pazienti molto malati. Il momento migliore per dare una terapia anticorpale è il più presto possibile - il problema è che se chiami immediatamente e richiedi la terapia anticorpale, i medici probabilmente diranno che non sei abbastanza malato. Ma poi si rischia di ammalarsi ancora di più, quindi quando si arriva si è in una posizione molto peggiore - questo era un problema che volevamo affrontare ed è qui che entra in gioco il nostro vantaggio ingegneristico. Siamo stati in grado di progettare un anticorpo per produrre concentrazioni ultra-alte che si adattano a una siringa iniettabile. Di conseguenza, i pazienti non hanno bisogno di andare in un centro di infusione, ma solo di farsi un'iniezione nel braccio o nella gamba e ottenere la medicina in anticipo. Possiamo fornire una dose più piccola e possiamo darla molto prima, il che significa che possiamo produrre molte più dosi di prima.

Questo è un modo potente per trasformare quanto sia spaventoso questo agente patogeno - puoi fare un'iniezione in anticipo in modo da non ammalarti subito. Non si rischia di andare in ospedale. Non si rischia la morte e crediamo che questo eviterà alcuni dei rischi a lungo termine delle complicazioni che sorgono da una grave infezione.

AD: Quindi se non le dispiace scavare un po' più a fondo. Conosci i giganti come Pfizer, ovviamente hanno un ruolo critico da svolgere in moltissime aree, tra cui il finanziamento, la produzione di massa di farmaci e la guida di studi clinici su larga scala. 

Ma credo anche fermamente che un sacco di innovazione avviene sul terreno tra le piccole organizzazioni biotecnologiche o di altro tipo. Queste sono probabilmente organizzazioni con meno di 100 persone. Lei è d'accordo? Pensa che molta dell'innovazione sia guidata da attori più piccoli?

JG: La risposta è sì, ed ecco perché. Ho passato quattro anni a lavorare alla Pfizer, che era un colosso. Poi sono uscito per creare la mia prima e ora seconda azienda. In Distributed Bio, la mia prima azienda, ho finito per gestire 78 programmi di scoperta e ottimizzazione di anticorpi per circa 60 diverse aziende farmaceutiche e piccole biotecnologie. Attraverso questo processo, ho finito per incontrare centinaia di aziende, molte delle quali sono diventate mie clienti e queste andavano dalle grandi aziende farmaceutiche alle piccole biotecnologie, e questo mi ha dato l'opportunità di osservare le tendenze del settore e vedere come stavano cambiando.

Il grande cambiamento è che tradizionalmente tutto avveniva all'interno delle sale consacrate di una grande azienda farmaceutica. Avevi un dipartimento per l'ibridoma, un dipartimento per la produzione, un dipartimento per la sicurezza, ecc. L'industria farmaceutica moderna si è divisa in una costellazione di organizzazioni di ricerca a contratto (CRO), che ha permesso a molti dei miei precedenti clienti e ora alla mia stessa azienda di condurre studi clinici e di collaborare con loro. Per esempio, abbiamo collaborato con Charles River Laboratories per la sicurezza e i colloqui, e con un altro specialista di regolamentazione per fare il nostro studio clinico con i militari.

Ci sono gruppi a cui puoi rivolgerti, e le grandi aziende farmaceutiche se ne sono rese conto e hanno iniziato a ridimensionarsi. Si mantengono strategicamente snelle. Hanno una serie di esperti chiave che sono difficili da esternalizzare perché sono centrali per la loro missione principale, ma, per il resto, si rivolgono a consulenti o a gruppi a contratto quando possono. 

Naturalmente volete stabilire buone relazioni con CRO o consulenti. Tuttavia, potresti volerli, per un periodo di, diciamo, quattro mesi, e poi non ne hai più bisogno. Ma se ti piacciono, li chiami di nuovo tra sei mesi, ed è questo accesso periodico e l'uso di un esperto esistente all'esterno senza dover costruire tutto internamente che permette alle aziende come la mia di rimanere relativamente snelle. 

Per guardare l'intervista completa a Jacob Glanville, visita https://www.kolabtree.com/blog/innovator-speak-kolabtree-interviews-centivax-ceo-jacob-glanville/.  

Guarda Jacob Glanville parlare di questioni specifiche come le vaccinazioni e la crescente importanza delle biotecnologie qui - https://www.youtube.com/channel/UCLAvq8HIDTKahLWzYoY2rgg/videos


Kolabtree aiuta le aziende di tutto il mondo ad assumere esperti su richiesta. I nostri freelance hanno aiutato le aziende a pubblicare documenti di ricerca, sviluppare prodotti, analizzare dati e altro ancora. Ci vuole solo un minuto per dirci cosa hai bisogno di fare e ottenere preventivi da esperti gratuitamente.


Condividi.

L'autore

Lascia una risposta