Dati dei dispositivi medici: Vantaggi e sfide di sicurezza

0

La scrittrice tecnica freelance Kayla Mathews fornisce una visione delle applicazioni di dispositivo medicoe dati e i problemi di privacy/sicurezza.  

La raccolta e l'analisi di massa dei dati è diventata centrale per la tecnologia d'avanguardia. L'avanzamento della tecnologia informatica significa che abbiamo più modi per raccogliere dati, analizzarli e ricavare intuizioni che possono portare a scoperte o rendere i processi esistenti più efficienti.

L'industria medtech continuerà probabilmente a trovare nuovi modi per applicare la raccolta di dati e l'analisi per tecnologia medica. Ecco alcuni dei benefici più significativi che probabilmente fornirà e alcune nuove sfide che potrebbe causare all'industria.

Dati sui dispositivi medici: Vantaggi

I dati dei dispositivi medici hanno permesso vasti miglioramenti nella cura dei pazienti, portando a migliori risultati di salute. Ecco alcuni dei principali vantaggi dei dispositivi medici connessi.

1. Maggiore accuratezza diagnostica

Con alcune malattie, come il cancro al seno, il metodo di diagnosi gold-standard può ancora avere tassi elevati di falsi positivi e negativi. Le diagnosi imprecise possono portare i medici a richiedere interventi necessari o a ritardare il trattamento.  

Several new medtech devices and algorithms use AI to analyze scans and patient symptoms. The pattern-finding ability of AI makes it especially effective at detecting subtle differences in a large image—like, for example, a cluster of cells in a CT scan that may indicate cancer.

Alcuni di questi dispositivi hanno dimostrato di migliorare la precisione dei processi diagnostici. Per esempio, un nuovo algoritmo dai ricercatori di Google Health era addirittura migliore dei radiologi nell'individuare il cancro nelle mammografie.

Altri produttori MedTech hanno iniziato a integrare l'AI direttamente nei loro dispositivi. Uno nuovo scanner CT usa l'AI per cucire insieme diverse immagini in una scansione più coerente e pulire alcuni dei disturbi che naturalmente appaiono su di esse. Il risultato è una scansione che è più facile da leggere per i radiologi, il che può migliorare l'accuratezza diagnostica e aiutare a ridurre il tasso di falsi positivi e negativi.

2. Migliore tracciamento dei sintomi

Per alcune malattie incurabili, i medici basano i piani di trattamento sulla gravità e la progressione dei sintomi. In casi come questi, il miglior monitoraggio possibile dei sintomi è necessario per aiutare i medici a fornire la più alta qualità di cura possibile. 

Tuttavia, il monitoraggio dei sintomi può essere spesso difficile per i pazienti, come nella malattia di Parkinson, dove ci si aspetta che prendano appunti sulle loro condizioni ogni 30 minuti. Spesso i pazienti non riescono a stare al passo con questo regime, ritardando le voci e riducendo l'accuratezza delle loro autovalutazioni. Questo significa che i medici non hanno informazioni del tutto accurate quando costruiscono un piano di trattamento.

Tracciamento dei dati gli indossabili possono fornire dati di qualità superiore. Alcuni ricercatori li hanno persino raccomandati come un potenziale metodo per il monitoraggio dei sintomi nel Parkinson. 

Leggi anche: Tecnologia indossabile: Cambiare il volto dell'assistenza sanitaria


3. Miglioramento della cura del paziente

I dati sulla salute dei pazienti in tempo reale possono fornire molti benefici diversi ai medici. 

Gli indossabili e altri dispositivi di monitoraggio possono consentire l'uso di sistemi di monitoraggio remoto dei pazienti, che permettono ai medici di tenere d'occhio le persone anche mentre si muovono nel loro ospedale o clinica. I medici che approfittano di questi sistemi possono ricevere avvisi istantanei quando i segni vitali di un paziente si muovono oltre una certa soglia, permettendo loro di fornire la risposta più rapida possibile. Altri sistemi medici possono aiutare medici e paramedici a raccogliere e rivedere i dati rilevanti per la cura del paziente in tempo realepermettendo loro di lavorare per migliorare la salute.

È stato riscontrato che i sistemi di monitoraggio remoto del paziente riducono la necessità di visite di controllo e migliorano soddisfazione del paziente per la qualità delle cure.

Ridurre queste visite può essere particolarmente vantaggioso per i pazienti nelle aree rurali, che possono dover percorrere distanze significative per ricevere le cure. In alcuni casi, un follow-up di persona può non essere pratico, e il monitoraggio remoto può offrire una valida alternativa.

Dati sui dispositivi medici: Sfide

Nonostante tutti questi benefici, i dati medtech hanno alcuni ostacoli da superare, soprattutto per quanto riguarda la privacy e la sicurezza dei dati. Ecco alcune aree che necessitano di miglioramento.

1. Dati non sfruttati e non strutturati

I dati MedTech sono raccolti da un'ampia varietà di fonti, tra cui cartelle cliniche elettroniche (EHR), sequenze genomiche, app, wearables e dispositivi medici.

Mentre questa gamma di fonti può essere buona per medici e ricercatori medici, può anche significare che quantità significative di dati raccolti saranno difficili da usare o analizzare.

Le EHR, che registrano le informazioni sanitarie dei pazienti nel linguaggio comune, sono difficili da analizzare per gli algoritmi informatici tradizionali. In America, questi problemi sono ancora peggiori. Le note cliniche qui tendono ad essere significativamente lunghe - quattro volte più lunghi di quelli scritti da medici in altri paesi - rendendo ancora più difficile per i semplici algoritmi di scansione delle parole chiave di scomporre i dati EHR in un modo che un computer possa analizzare.

Ci sono anche pochi standard quando si tratta di archiviazione e raccolta di dati sanitari. In questo momento, non c'è alcuna garanzia che, per esempio, due wearable che tracciano la salute del cuore del paziente stiano guardando gli stessi segni vitali. Gli indossabili con obiettivi simili possono registrare vari tipi di informazioni o memorizzarle in modo diverso. 

Le aziende di dispositivi medici che vogliono usare questi dati eterogenei per la ricerca e lo sviluppo dovranno prima spendere tempo per pulirli e standardizzarli in un unico set di dati utilizzabile. Questo processo può essere difficile o impossibile da automatizzare.

Le aziende medtech avranno probabilmente bisogno di implementare nuovi approcci - come l'analisi del linguaggio naturale degli EHR - per estrarre informazioni utilizzabili da fonti di dati non strutturate.

2. Sicurezza dei dati

L'aumento della raccolta e dell'archiviazione delle informazioni creerà naturalmente nuove sfide per quanto riguarda la sicurezza dei dati. Il trasferimento wireless delle informazioni dai wearable difficili da proteggere alle reti ospedaliere, per esempio, fornirà nuove vie di attacco per i criminali informatici. L'aumento dell'archiviazione dei dati dei pazienti renderà anche le reti ospedaliere più grandi e più preziosi obiettivi.

Le violazioni dei dati e i cyberattacchi sono aumentati in tutti i settori l'anno scorso. Il assistenza sanitaria industry was no exception. Questa tendenza dovrebbe continuare fino al 2020 e nel prossimo futuro.

I produttori MedTech avranno probabilmente bisogno di rendere la sicurezza e l'uso etico dei dati una priorità assoluta nel prossimo futuro. Dovrebbero anche prepararsi per le nuove tecnologie - come il 5G - che hanno il potenziale di creare nuove vulnerabilità di sicurezza.

3. Uso etico dei dati

Allo stesso tempo, iniziative come il Progetto Nightingale di Google hanno portato i medici a sollevare preoccupazioni sull'uso etico dei dati medici.

Le aziende MedTech che usano i dati dei pazienti e dei medici devono prendere sul serio queste preoccupazioni etiche. Dove possibile, dovrebbero assicurarsi che i giusti controlli siano in atto per garantire l'uso etico dei dati. Dovrebbero anche assicurarsi che il consenso all'uso e alla raccolta dei dati sia raccolto sia dai medici che dai pazienti.

L'industria dovrà probabilmente anche iniziare a prepararsi per la potenziale legislazione sulla privacy e l'etica dei dati medici. Nuovi regolamenti, come il GDPR dell'UE e il CCPA californiano, hanno iniziato a richiedere che le aziende si assicurino il consenso dei clienti quando raccolgono i loro dati. 

Mentre questi regolamenti sono principalmente rivolti alle aziende che utilizzano i dati raccolti dai siti web, MedTech gli esperti prevedono che la legislazione continuerà a tendere verso regole più severe sulla raccolta e l'uso dei dati. È probabile che, nei prossimi anni, queste leggi cominceranno ad avere un impatto significativo sull'uso dei dati da parte di MedTech.

Come i dati aiuteranno e ostacoleranno MedTech nel 2020

Nel 2020, i dati diventeranno probabilmente ancora più centrali per i nuovi dispositivi e servizi medici. Questa sarà una notizia sia buona che cattiva per l'industria. Medtech sarà in grado di trarre vantaggio dai benefici dell'utilizzo dei big data medici, come il miglioramento dei risultati di salute dei pazienti, una migliore tracciabilità dei sintomi e pratiche diagnostiche più accurate. 

Tuttavia, una maggiore dipendenza dai dati presenterà anche una serie di sfide e costringerà le aziende medtech a confrontarsi con questioni come l'eterogeneità e la privacy. È una questione di grande respiro, e i professionisti devono pesare attentamente i pro e i contro della tecnologia medica prima di andare avanti.

Bisogno di parlare con un esperto di dispositivi medici? Mettiti in contatto con i consulenti direttamente su Kolabtree. Pubblica il tuo progetto e ottieni preventivi gratuitamente. 


Kolabtree aiuta le aziende di tutto il mondo ad assumere esperti su richiesta. I nostri freelance hanno aiutato le aziende a pubblicare documenti di ricerca, sviluppare prodotti, analizzare dati e altro ancora. Ci vuole solo un minuto per dirci cosa hai bisogno di fare e ottenere preventivi da esperti gratuitamente.


Condividi.

L'autore

Ramya Sriram gestisce i contenuti digitali e le comunicazioni di Kolabtree (kolabtree.com), la più grande piattaforma di freelance per scienziati al mondo. Ha oltre un decennio di esperienza nell'editoria, nella pubblicità e nella creazione di contenuti digitali.

Lascia una risposta